logo

Comunicazione professionista-cliente

Per professionisti, tecnici e consulenti:

come comunicare coi clienti rendendoli più responsabili,autonomi ed abili.
6 ore, di cui 4½  in piccoli sottogruppi di lavoro

I nuovi mezzi per comunicare portano due esigenze apparentemente opposte:
- la specializzazione in alcune competenze avanzate (e dei professionisti che le esercitano)
- l’esigenza di un diffuso fai-da-te competente, grazie a cui tutti generano milioni di conversazioni senza intermediari.
Che fare? cambia drasticamente la funzione del consulente, del professionista, del tecnico: oggi deve diventare un facilitatore di autonomia.

La proposta implica un’idea nuova della pratica professionale, che libera da mansioni ripetitive, permette specializzazioni più avanzate, responsabilizza il cliente, sviluppa competenze comunicative, umane e di coaching.
Non ultimo: permette di abbassare le parcelle al cliente senza ridurre la rimunerazione totale del proprio lavoro.

docenti
Paolo Faustini e Marco Geronimi Stoll, assieme a Giovanni Stiz di Seneca srl

obiettivi
Il workshop stimola un atteggiamento tecnicamente e psicologicamente nuovo: aiutare il cliente ad avere sempre meno bisogno di noi, limitare le mansioni a noi esternalizzate ed assumerci unicamente quelle poche ma preziose in cui il nostro mestiere è insostituibile.

destinatari
Professionisti, tecnici e consulenti che scelgono di essere abilitanti. Studenti universitari che si affacciano ad una professione.

competenze prerequisite
Aver letto alcune pagine sul concetto di “tecnico disabilitante” per Ivan Illich (che verranno mandate via mail agli iscritti). Condivisione psicologica ed etica degli scopi; disponibilità a lavorare in gruppo.

metodo
solo all’inizio e alla fine il rapporto è didattico-frontale, il resto è un workshop che si basa su prove pratiche, visione di casi, animazioni creative.

durata
6 ore di cui 1½ frontale e tre in piccoli gruppi tematici di circa 1½ ore ciascuno

materiale didattico
i principali materiali (dispense, esempi, link e casi) sono reperibili on line; consigliamo di venire con una pennetta USB perchè spesso nei corsi emergono altri materiali ed esempi da archiviare direttamente.

contratto didattico
disponibile qui: contratto didattico

sede:
aula adeguata, anche spartana ma con ampio tavolo, sedie disposte in semicerchio, wifi, proiettore con casse audio, diverse prese elettriche o ciabatte, + due stanze piccole con sedie in cerchio
I docenti possono portare e allestire dispositivi audiovisivi propri, ove necessario, se richiesto col dovuto anticipo.

numero iscritti: min 18 max 45

Esempio di questo tema già sviluppato.